Serie “Fortissimo” – Le senza nome della Serie “ottomila”

Le senza nome trovano finalmente un nome..

Quando abbiamo iniziato il percorso di analisi e ricerca per la pagina del sito dedicata alle serie “Le altre Politoys”, i modelli della serie 8000 hanno cominciato ad apparire come fantasmi senza nome, senza traccia, senza catalogo, e sin da subito hanno scatenato la nostra fantasia e il nostro interesse nella loro ricerca.

Ora, a quattro anni dalla nascita del sito, siamo finalmente riusciti a dare una forma alla storia, siamo arrivati ad un buon punto.

Sono modelli che provengono dalla serie Export, non riportano alcun marchio ma solo un “made in Italy”. Differiscono dalla serie Export proprio per la mancanza del brand che rimane coperto da una limatura della zona interessata, dal cambio di numerazione di serie con l’aggiunta del fatidico “8” e da alcune varianti di produzione atte a consentire l’assunzione delle ruote veloci per tutti i modelli di questa serie.

Erano diffuse nel centro Europa, Germania soprattutto. Venivano vendute negli anni 70 nei grandi magazzini. Difficile trovarle nuove e perfette, si trovano spesso giocate.

La rarità assoluta sta nel trovarle intatte e con la scatola. Qualcuna l’abbiamo scovata ma il pezzo forte ce l’ha segnalato il nostro amico Alessandro.

Ebbene si, abbiamo scoperto la forma ed il blister originale che faceva da scatola / raccoglitore di questi modelli. Belli, intatti come “mamma macchina” li ha prodotti. Adesso hanno finalmente anche un nome: si chiamano “Fortissimo” in scala 1.43.

La scatola è un blister di cui la parte anteriore è in plastica e il lato posteriore è in cartone che riporta i numeri e i nomi dei modelli in vendita. Tutte le scatole mostrano la fessura pre-sagomata per consentire la possibilità di appendere il blister. Nelle scatole che ci ha inviato l’amico Alessandro, abbiamo finalmente potuto ammirare la completezza dell’immagine del blister. Nell’immagine si possono ammirare due vetture Porsche e un prototipo bolide da pista. Si può notare il pubblico lungo la pista dove sembrerebbero sfrecciare le automobili. Il retro è un elenco dell’insieme dei modelli presentati in questa serie.

I modelli sembrerebbero quindi 12, usiamo il condizionale perché non ne abbiamo la certezza.

Appare sin da subito incomprensibile una scelta così difforme e senza alcun riporto del nome dell’azienda e del rivenditore almeno sulla confezione.  Così è, almeno fino alla prossima scoperta.

Non abbiamo altre indicazioni sulla motivazione che ha portato a produrre e vendere modelli siffatti. Per adesso ci accontentiamo quindi di quest’ultima scoperta.

Parliamo dei modelli.

Alcuni modelli mostrano la stessa qualità degli Export ma spesso hanno colori differenti dal classico expor. I colori però fanno parte comunque della gamma colori classici Politoys.

Tutti possiedono le ruote veloci di tipo a raggio.

L’ultimo censimento di questa produzione prevede questi abbinamenti:

Per VW Familcar e NSU Typ 110 il posizionamento delle ruote veloci sembrano veramente fuori da ogni concetto di design. In questo caso per applicarle hanno modificato anche l’apertura dei parafanghi. La numerazione su un fondino di metallo rivettato differisce dalla originale semplicemente per l’aggiunta di un “8” davanti al numero di serie.

Per esempio il modello 542 Volkswagen 1600 diventa 8542 Volkswagen 1600.

Tutti i fondini sono marchiati Made in Italy.

Non sappiamo in quanti paesi sono stati venduti oltre alla Germania, l’Austria e l’Olanda.

Ipotizziamo che fossero stati venduti senza nome per mancanza di diritti oppure per aspetti di natura fiscale.

Non conosciamo la tempistica di produzione, possiamo dedurre che i modelli sono stati distribuiti contemporaneamente non rispettando il calendario standard della produzione Export e la progressione dei numeri di serie.

Non ci sono altre notizie in merito, sarebbe interessante completare il resoconto con altre testimonianze o informazioni più dettagliate circa le motivazioni e gli accordi presi .

Per adesso con le Fortissimo ci fermiamo qui.

Un ringraziamento speciale va ad Alessandro!

Per chi ci vuol trovare facilmente:

Sito web Quelli della Polistil : http:www.quellidellapolistil.it

Pagina Facebook: Quelli della Polistil / QdP

Instagram e Twitter: #iltempodellemacchinine #Politoys #Polistil #quellidellapolistil.it #qdp #sololaperfezioneconta