Fiat 126 – Art. E40 – pagina speciale

La Fiat 126 è un’automobile prodotta dalla FIAT dal 1972 al 2000. La commercializzazione in Europa Occidentale terminò nel 1991, proseguendo la vendita sul mercato polacco, paese in cui la vettura veniva prodotta dal 1975. Fu l’ultima auto con motore posteriore prodotta dalla casa torinese.

Stilisticamente derivata dalla concept car “City Taxi” (click QUI per vedere lo spot pubblicitario) , realizzata da Pio Manzù nel 1968, la Fiat 126 venne presentata al Salone dell’automobile di Torino del 1972, con il compito di sostituire la “500”, della quale riprendeva integralmente lo schema meccanico. La novità tecnica più importante si riscontrò nell’intero corpo della scocca che fu progettata, per favorire la migliore sicurezza all’utente finale, osservando dei nuovi principi sulle “resistenze differenziate”.

Tre le novità tecniche sostanziali: lo spostamento del serbatoio del carburante dal vano bagagli anteriore alla parte posteriore della vettura (precisamente sotto il sedile posteriore), il cambio (a 4 marce) sincronizzato (tranne la prima). A partire dal 1978 e solo per alcuni anni verrà anche adottato lo sterzo a cremagliera in sostituzione del classico sistema a vite e settore elicoidale presente sulla 500.

Anche il motore, il noto bicilindrico raffreddato ad aria montato posteriormente a sbalzo, era lo stesso. Come sulla contemporanea 500 R la cilindrata era di 594 cm³. Totalmente nuovi, invece, gli interni, la strumentazione ed i comandi, non privi di un misurato livello di rifinitura.

Le migliorie della 126 erano costituite, essenzialmente, dalle aumentate dimensioni della carrozzeria squadrata tipica degli anni 70 che, pur mantenendo invariato il passo, consentiva una maggiore abitabilità, oltre che dalle prestazioni più elevate e dalle accresciute doti di sicurezza. La 126 era disponibile sia con carrozzeria completamente chiusa (novità rispetto alla “500”) che con tetto apribile in tela (tipico della sua progenitrice).

Di 126 ne sono state prodotte diverse ed in diverse versioni.


 

Come sempre la Polistil, attenta al mercato vero, in contemporanea all’uscita del modello in concessionaria, fa uscire un modellino in scala 1/43 sempre per la serie E con la sigla E40.

Il modello è in linea con i canoni imposti dalla Serie E, risparmio. Ma in questa caso, come per la sorella Fiat 500, il modello è ben fatto. Non ha decal, non ha la targa di carta classica. La targa riporta il nome del modello inciso, così come esattamente il modello era esposto nelle concessionarie Fiat al momento della presentazione nei saloni.  Difatti, quando il cliente firmava il contratto d’acquisto veniva omaggiato del modellino 126 della Polistil. Questo accadeva nel periodo 1973-74.

Fiat 126 Promo

Fiat 126 Promo – Gentile concessione Fabrizio Baldassarri

Fiat 126 Promo

Fiat 126 Promo by F.B.

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Il modello ha le due aperture, i fari di plastica anteriori e entrambi i paraurti di plastica (raro per questa serie, anzi caso unico). Cerchi in plastica dura a quattro raggi. Fondino in metallo color argento o di metallo color nero. Scatole di tipo Export Type III e V.

 


 

FOTO D’INSIEME : rigorosamente perfette in scatola.

Colori prodotti:

Fiat 126 All

Fiat 126 All

Fiat 126 All

Fiat 126 All

Fiat 126 All

Fiat 126 All

Fiat 126 All

Fiat 126 All

Fiat 126 All

Fiat 126 All

Fiat 126 All

Fiat 126 All