LE SCATOLE: Box, Bubble box & Special Box – Scala 1/43.

L’eterno dilemma del collezionista è quello di collezionare modelli con o senza le scatole. Che fare?

La ns. opinione è quella di collezionare con la scatola, che rappresenta bene l’intero modello.  Spesso le scatole diventano più difficili da collezionare rispetto al modellino stesso. In ogni caso sono state conservate meno scatole rispetto ai modelli prodotti, e questa è sicuramente una certezza. Le scatole venivano buttate dai bambini, dalle mamme e dal cartolaio in fase di vendita così ne sono rimaste poche. Oggi alcune scatole valgono una fortuna.

Ogni scatola è personalizzata e rappresenta il modello che contiene.

La genesi delle scatole dei modelli in scala 1/43.

Le scatole sono sempre state oggetto di valutazione e di appeal del prodotto e Polistil ha sempre lavorato mell’ottica di agevolare l’acquirente nello scegliere il prodotto da acquistare.

Anche le scatole si sono evolute coi tempi come i prodotti che contenevono.

La Serie M5XX è caratterizzata da scatole in cartone suddivise per caratteristiche più o meno evidenti ed importanti. Noi le distinguiamo in : Type I, II, III, IV.

Vengono prodotte tra il 1965 e il 1969.

Nel 1970 con l’avvento della plastica nei sistemi produttivi automatici, si procede con la produzione delle nuove bubble box.  Una basetta in plastica che conteneva il modello alla base e la cupoletta trasparente che si innestava sulla basetta in modo da racchiudere ermeticamente il modellino. Le stesse o simili sono utilizzate anche per la successiva serie MXX.  Le scatole bubble hanno varianti e caratteristiche di produzione rilevanti come di seguito descritte. Vengono prodotte tra il 1969 e il 1973.

La Serie Export ha utilizzato scatole di cartone, la Export Type I gialla, Type II rossa con vetrina, la Type III gialla con vetrina. Vengono prodotte tra il 1968 e il 1973.

Infine la Serie E utilizza scatole Type IV e V con vetrina sia gialle che blue marchiate Polistil .

Anche per le scatole come per i modelli, vi sono alcune serie speciali tipo la Lamborghini Miura e la Ferrari 750 Le Mans come per tutti i modelli della Serie Disney: sono vere opere d’arte.


Tipologia: Type I – Nera Termosaldata

Caratteristiche:  Guardando la faccia finestrata, il nome del modello è posto a sinistra della finestra e il codice articolo è a destra. Sulle alette di chiusura le scritte sono in senso verticale, di colore giallo, ed è presente il logo Politoys con il compasso e la macchinina. La scatola è rivestita esternamente con una sottile pellicola trasparente, saldata termicamente al cartoncino che forma anche le due finestre. All’interno telai  in cartone di varia tipologia.

Anno di produzione: 1965 – Modelli: dal 500 al 515


Tipologia: Type II – Nera Termosaldata

Caratteristiche:   E’ identica al box Type II ma la  scritta POLITOYS-M  è a sinistra della finestra e il codice articolo in basso a destra. Il nome del modello è posizionato in basso sotto la finestra allineato a destra.  Le alette di chiusura sono identiche a quelle Type I. Medesima  la pellicola termosaldata che riveste il box  formando anche le finestre.  All’interno telai in cartone e/o polistirolo uno posto in sopra il modello e l’altro alla base sotto le ruote . Quando è presente il polistirolo, c’è anche una striscia gialla di cartone che serve a proteggere il tetto del modello da eventuali graffi.

Anno di produzione: 1966-1967 – Modelli: dal 500 al 531


Tipologia: Type III – Nera Finestre incollate

Caratteristiche:  identica al box Type II, la scritta “POLITOYS-M” a sinistra della finestra.  Differenti sono le alette di chiusura con le scritte gialle riportate in senso orizzontale. Le finestre sono realizzate con fogli di acetato incollati dall’interno.
All’interno il modello è inserito tra due strisce in polistirolo. C’è anche una striscia gialla di cartone che serve a proteggere il tetto del modello da eventuali graffi oppure come per la Type IV all’interno il modello è avvolto longitudinalmente in una striscia di spugna giallognola.

Anno di produzione: 1967-1968 – Modelli: dal 500 al 537


Tipologia: Type IV – Gialla Finestre incollate

Caratteristiche:  identica al box Type II,  scritta “POLITOYS-M” a sinistra della finestra e la parte a destra è di colore giallo.  Le alette di chiusura sono gialle con le scritte orizzontali rosse e nere. Il logo è APS POLISTIL. Le finestre sono  in fogli di acetato incollati dall’interno. All’interno il modello è avvolto longitudinalmente in una striscia di spugna giallognola.

Anno di produzione: 1968 – Modelli: dal 500 al 546


Tipologia: Cofanetto Speciale

Caratteristiche:   Box Special in in cartoncino rosso e giallo chiuso con un pezzetto di nastro adesivo. Esistono differenti versioni delle scatole che si differenziano per le immagini contenute. In particolare ci sono 2 varianti per la Miura e 3 varianti per la Ferrari 250 Le Mans.

Anno di produzione: 1968

Modelli: Ferrari Le Mans (art. 525) e per la Lamborghini Miura (art. 552)


Tipologia: Cofanetto Dragster

Caratterische: Box Special in celluloide con base in cartoncino rosso. E’ presente una sovrascatola in cartone bianco con scritta rossa POLITOYS M, entro la quale scorre la confezione in celluloide.
Questo Box è utilizzato solo per il Dragster (art. 602)

Anno di produzione: 1970 – Modelli: 602


BUBBLE BOX

Sono state prodotte a partire dal 1969 ed utilizzate per contenere inizialmente il modello 549 Ford Mustang 2+2 Bertone. Successivamente l’utilizzo delle Bubble si è esteso a tutti i modelli prodotti della serie M e della nuova serie MX. Agli inizi degli anni 70, le Bubble sono state utilizzate anche per i precedenti modelli della serie M dopo aver terminato le scorte delle Box cartonate classiche. Pertanto, tutti o quasi tutti i modelli della serie 500 si possono trovare anche con queste box. Spesso contestualmente all’utilizzo della nuova Bubble in alternativa alla classica box, Polistil ha apportato varianti di produzione ai modelli precedentemente prodotti. Per esempio l’introduzione delle ruote veloci al posto delle ruote gommate, oppure fari o accessori prestampati , fondini con i 4 avvallamenti per essere posti sulla basetta.  In ogni caso non si tratta di una scienza esatta, in quanto da testimonianza diretta di chi ha lavorato in Polistil e non di chi vanta tra i noti collezionisti di conoscere le motivazioni,  spesso l’operatore agiva sulla base delle proprie scorte di giornata. Si possono facilmente trovare modelli della serie 500 senza gli avvallamenti del fondino (i famosi 4 buchi) posti su basette con i terminati spezzati, ridotti o con spugnetta adesiva per favorire il bloccaggio del modello. Di solito le basette sono bianche, ma si notano anche blue, gialla, grigia e verde.  Ognuna di queste può adottare diversi meccanismi di agganciamento e diverse tipologie di strisce adesive che indicano il nome del modello con fascette di fissaggio di differenti colorazioni (bianco o grigio). Il perno è sempre lo stesso nero di plastica pressofusa.

Oggi i modelli in bubble sono da considerarsi più rari rispetto a quelli in scatola classica. Trovare una Fiat 850 bubble è una mezza impresa.  Nel caso specifico dell’art. 518 Rolls Royce si trovano alcuni modelli con vellutino e 2 fori veri per essere agganciati alla basetta con 2 viti.  La 518 ha avuto diversi adattamenti per cui si trovano varianti di produzione molto interessanti sia sul modello che sulle scatole .

Le prime versioni delle bubble box hanno le basi personalizzate: sul fondo e in rilievo appare  il nome modello e il codice articolo. Le versioni successive anni ’70 sono standardizzate e uguali per tutti i modelli, nel caso della Lamborghini Espada, sono anche state alleggerite da grandi aperture sul fondo.


Tipologia: Bubble TYPE I (con banda laterale in argento)

Caratteristiche: Base omogenea rivestita in vellutino rosso o azzurrino o giallino. Dalla base emergono i supporti per il modello e due fermi che agganciano la carrozzeria alla battuta delle portiere. La striscia adesiva col nome del modello è lucida e spessa. Una piccola striscia è applicata anche sul lato più breve che riporta la scritta POLITOYS M. Sul fondo sono riportati, in rilievo, tutti i dati che identificano il modello. Scatoletta molto elegante con probabili costi significativi di produzione che hanno indotto la Polistil a produrla per un limitato periodo.

Anno di produzione: 1968

Modelli: Ford Mustang 2+2 Bertone, Lamborghini Miura.


Tipologia: Bubble TYPE II (con banda laterale in argento)

Caratteristiche: Simile alla Type I in plastica lucida senza il rivestimento in vellutino. Sono presenti due fermi di plastica in tinta alla base per fissare il modello e su un lato riporta la scritta Politoys e il nome del modello sul lato più lungo. Sul fondo sono riportati in rilievo i dati che identificano il modello.

Anno di produzione: 1968-1969

Modelli: Ferrari 250 Le Mans, Lamborghini Miura, Porsche 904.


Tipologia: Bubble TYPE III (con banda laterale Bianca di plastica dura)

Caratteristiche: Simile alla Type II in plastica lucida. I due fermi per fissare il modello sono sostituiti da una striscia in plastica semirigida che attraversa il modello da una porta all’altra e riporta la scritta Politoys . Sul fondo sono riportati in rilievo i dati che identificano il modello.

Anno di produzione: 1968-1969

Modelli: Ferrari 250 Le Mans (* in questo caso riporta la scritta Politoys da un lato e il nome del modello dall’altro), Lamborghini Miura.


Tipologia: Bubble TYPE IV (con banda laterale Bianca di plastica dura)

Caratteristiche: Simile alla Type III in plastica lucida. Medesimi fermi per fissare il modello costituiti da una striscia in plastica semirigida che attraversa il modello da una porta all’altra e riporta la scritta Politoys. Sul fondo NON sono riportati in rilievo i dati che identificano il modello. Dove alloggia il fondino del modello spesso c’è un rialzo per sostenere il modello. A volte è presente una spugnetta.

Anno di produzione: 1968-1969

Modelli: Fiat Osi Coupè, Fiat 1500 GT Ghia, Ford Lola GT, Dino Pinifarina (* banda laterale argentata) e Fulvia Coupè, Alfa Romeo GS Zagato (* banda laterale argentata), Alfa Romeo Giulia TI Super, Porsche 904.


Tipologia: Bubble TYPE V (con banda laterale Bianca di plastica dura)

Caratteristiche: Simile alla Type IV in plastica lucida. Nessun fermo. Sul fondo NON sono riportati in rilievo i dati che identificano il modello. Dove alloggia il fondino del modello c’è un rialzo per sostenere il modello dove è presente una spugnetta biadesiva per bloccare il modello.

Anno di produzione: 1968-1969

Modelli: Alfa Romeo Giulia TI Super, Maserati 3500 GT Coupè, Lamborghini 350.


Tipologia: Bubble TYPE VI (con banda laterale in Oro o Bianca di plastica dura)

Caratteristiche: Base ultra alleggerita, per il resto analoga alla Type III senza i due fermi laterali per fissare la base alla cupoletta. E’ utilizzato solo per il modello Lamborghini Espada con ruote standard gommate (quella a ruote veloci utilizza una Type III).

Anno di produzione: dal 1970 – Modelli: Solo Lamborghini Espada Serie I.


Tipologia: Bubble TYPE VII – alias Standard Bubble (con banda laterale Bianca di plastica dura e a volte rossa in plastica dura, per alcune versioni MXX anche in carta rossa).

Caratteristiche: Base alleggerita rispetto alla Type I, II, III, IV e V.

Tutti i modelli M5XX che hanno questo tipo di box, hanno la fascetta di bloccaggio con perno. Caso a parte l’Articolo 518 Rolls Royce che non prevede la fascetta, ma solo 2 viti di fissaggio. La bubble per la Rolls è più grande del normale ed è la stessa utilizzata per il modello in scala 1/25 della Fiat 595 Abarth prodotta nel 1969 (differente la base rispetto alla Mini Cooper in scala 1/25). Il Modello Rolls ha 2 viti di fissaggio piccole e cruciforme e un apposito cacciavite marchiato Politoys per lo smontaggio del modello dalla base.

** I Modelli 595 Matra Sport e 598 Apine 3L hanno su entrambi i lati lunghi la banda laterale adesiva ed identica. A differenza degli altri modelli non riporta la sovraimpessione POLITOYS M presente su un lato. Sono stati riscontrati raramente altri modelli con la doppia scritta sulla base come la Porsche 912 e la Lamborghini Islero.

Per i modelli della serie MXX (escluso 3 modelli con ancora la fascetta di fissaggio con perno, la Howmett, Alfa 33 Stradale e Abarth 2000) hanno la vite di fissaggio al posto della fascetta fissata da una porta all’altra. Alcuni modelli hanno la vite piccola cruciforme con apposito cacciavite marchiato Politoys per lo smontaggio. Altri modelli hanno la vite di fissaggio a dado con appostito cacciavite cubico per lo smontaggio.

Il fondo della base non riporta alcuna indicazione del modello. E’ presente una banda adesiva di plastica bianca col nome del modello nero o rosso. Sui lati più corti sono presenti i fermi per evitare l’accidentale distacco della cupoletta trasparente dalla base.

Il type VII è il box più diffuso e la base è stata prodotta in vari colori, anche se il bianco domina per la serie M5X e il giallo per la serie MXX.

Anno di produzione: dal 1969 al 1973

Modelli: Quasi tutti i modelli serie M5X escluso quelli con le altre suddette Type e tutte le MXX dal 1970 al 1973.


Tipologia: Export-TYPE I – Gialla

Caratteristiche:  Scatola di cartone di colore giallo raffigurante il disegno del modello contenuto. Dicitura POLITOYS EXPORT e nome del modello su entrambi i lati lunghi della scatola. Sotto al nome è presente una banda colorata in campo verde raffigurante le bandiere del mondo.  Nella banda laterale copri flap riporta il numero del modello.

Anno di produzione:  1968

Modelli:   Politoys Export Ruote gommate.


Tipologia: Export-TYPE II – Rossa

Caratteristiche:  Scatola di cartone di colore rosso con finestra in plastica trasparente (stile vetrinetta). La parte alta della scatola serviva per essere appesa negli appositi contenitori e raffigura il modello contenuto in una foto reale con la denominazione ed il numero del modello. Vi è inoltre stampato il simbolo Polistil nel classico logo dell’omino rosso.   La parte della scatola che contiene il modello è a forma di vetrinetta e alla base sul cartone che racchiude la vetrinetta appare il nome del modello in campo bianco su fondo rosso.  Nella banda laterale copri flap ci sono il nome del modello e il numero di produzione.

Anno di produzione:  1969

Modelli:   Politoys Export Ruote gommate.


Tipologia: Export-TYPE III – Benzinaio

Caratteristiche:  Scatola di cartone di colore giallo con finestra in plastica trasparente (stile vetrinetta). La parte alta della scatola serviva per essere appesa negli appositi contenitori e raffigura il modello contenuto in una foto reale, la denominazione e la scala 1/43 del modello.  La parte della scatola che contiene il modello è a forma di vetrinetta e alla base sul cartone che racchiude la vetrinetta appare in caratteri gialli su sfondo verde  il nome della serie “POLITOYS E” (anche se in realtà è utilizzata sia per serie Export che E. Nella parte sinistra della vetrinetta è raffigurata una striscia di bandiere del mondo.  Nella banda laterale copri flap nome modello e numero di produzione. All’interno della vetrinetta è raffigurata una scena di un garage con benzinaio e pompa della benzina BP (le scene sono variabili in 2-3 rappresentazioni). Lo schienale della scatola riporta l’elenco dei modelli prodotti. Solitamente tutti quelli prodotti durante l’anno.

Anno di produzione:  1970-1971

Modelli:   Politoys Export Ruote gommate.


Tipologia: Export-TYPE IV – Benzinaio – con bollino ruote veloci

Caratteristiche:  idemtica alla Type III ma rispetto alla precedente tipo III è presente un bollino che riporta la scritta “ruote veloci/RUOTE ZERO/Flash Wheels/Super Blitz”. Il bollino può essere incollato alla scatola (le prime edizioni per riusare le scatole già prodotte) o essere parte di esso di cartone. Lo schienale della scatola riporta l’elenco dei modelli prodotti. Solitamente tutti quelli prodotti durante l’anno.

Anno di produzione:  dal 1971 al 1973

Modelli:   Politoys Export Ruote Veloci e Politoys E.


Tipologia: E-TYPE V – Blue giallo e Polistil

Caratteristiche:  Scatola di cartone di colore Blue con finestra in plastica trasparente (stile vetrinetta). La parte alta della scatola serviva per essere appesa negli appositi contenitori e raffigura il nome del modello e la scala.  La parte della scatola che contiene il modello è a forma di vetrinetta e alla base sul cartone che racchiude la vetrinetta appare il nome Polistil Made in Italy.  Lo schienale della scatola riporta le caratteristiche tecniche come la cilindrata e la velocità di punta dell’auto vera a cui il modello contenuto si ispira.

Anno di produzione:  1973 per le Politoys e dal 1973 al 1975 per le Polistil (per gli ex-modelli Politoys E). In alcuni casi la scatola riporta ancora la scritta Politoys (gli ultimi modelli col brand vecchio stampato anche sul fondino).

Modelli:   Politoys E e Polistil.